MANCATA DIAGNOSI DI UNA FRATTURA DOPO QUASI UN ANNO DI CURE

Tu sei qui:

Mancata diagnosiMancata diagnosi:

una lezione di pattinaggio, una caduta e una brutta botta al gomito. Quindi un viaggio al pronto soccorso più vicino, il quale non si sarebbe accorto di una frattura durante quasi un anno di visite. Questa la presunta storia di malasanità avvenuta a una ragazzina di Formia (Latina).

 

  • Mancata diagnosi: caduta durante il pattinaggio

 

Il tutto è cominciato nell’aprile del 2014 quando, durante una lezione di pattinaggio, una delle allieve sarebbe caduta. A seguito di questo infortunio, la minorenne si sarebbe recata al pronto soccorso. Qui, con gli accertamenti avvenuti dopo una visita radiologica, le sarebbe stato diagnosticato un trauma distorsivo al gomito destro. Sembrava quindi che lesioni più gravi fossero scongiurate. Però i giorni passavano e il dolore al gomito non dava cenni di cessare, così i genitori hanno deciso di portare la piccola nuovamente al pronto soccorso. Qui i sanitari avrebbero effettuato una semplice visita di routine e ancora escluso fratture.

 

  • Mancata diagnosi: prescritta la fisioterapia

 

Dopo due settimane, durante la prevista visita di controllo, i medici avrebbero diagnosticato il riassorbimento di un ematoma con recupero della mobilità. Sarebbe quindi passato un mese, durante il quale sarebbero state effettuate circa 10 sedute di fisioterapia, poi sarebbe stata effettuata un’altra visita ortopedica. Visita dove sarebbe stata segnalata una “rigidità post-traumatica” e prescritte altre 20 sedute di fisioterapia.

 

  • Mancata diagnosi: situazione protratta per lungo tempo

 

La situazione si sarebbe quindi protratta in questo modo fino al 5 febbraio del 2015, quasi un anno dopo la caduta della piccola pattinatrice, giorno in cui la minore è stata visitata presso un diverso ospedale. Visita ortopedica durante la quale le sarebbe stata riscontrata una frattura fino a quel momento non vista, segnalata e nemmeno curata dai sanitari dell’ospedale che l’aveva avuta in cura fino a quel momento.

 

  • Mancata diagnosi: operata d’urgenza

 

Un anno senza cure ha però avuto le sue conseguenze: il dolore avvertito dalla ragazzina sarebbe stato infatti causato da una non corretta ricrescita dell’osso Radio. Una volta individuata la causa, la giovane sarebbe quindi stata operata d’urgenza.

 

  • Mancata diagnosi: la richiesta di risarcimento danni

 

I genitori della presunta piccola vittima di malasanità, grazie all’aiuto dei loro legali, hanno avanzato una richiesta di risarcimento danni alla Asl di Latina. Se dovessero, come sembrerebbe, essere accertate le responsabilità dei sanitari del primo ospedale che ha avuto in cura la minore, si spera che sia a lei che ai genitori venga resa giustizia.

Dott. Claudio Bonato

AL Assistenza Legale

 

Mancata diagnosi

image_pdf Scarica articolo in formato PDF