Come calcolare il risarcimento danni per incidente stradale?

Quando si è vittima di un incidente stradale è possibile riportare degli infortuni, anche se questi dovessero essere lievi, si avrà comunque diritto a un risarcimento danni per quanto subito, ma come calcolare il risarcimento danni per incidente stradale?

A seconda del tipo di lesione subita in un incidente stradale si avrà diritto a un tipo differente di indennizzo. Usualmente si quantifica la somma risarcitoria in base ai giorni in cui si protrae l’infortunio e ai punti di invalidità riconosciuti in sede medico-legale.

Nella pratica questo vuol dire che la vittima di incidente affronterà un periodo di malattia corrispondente a un determinato ammontare di giorni utili a recuperare le condizioni fisiche al termine del quale si potrà affermare di avere avuto un completo recupero. Questo lasso di tempo viene definito “periodo di invalidità temporanea”.

Al termine di questo periodo vi potrebbero però essere dei postumi invalidanti, questi ultimi dureranno per tutta la vita della vittima di incidente stradale, facendo diventare l’infortunio la causa di una invalidità permanente. Questa invalidità è espressa in punti percentuale, dove al crescere dei punti, cresce anche la gravità della stessa.

Come calcolare il risarcimento danni per incidente stradale?

Le lesioni micro-permanenti.

Ora vi spiegheremo come si calcolano gli indennizzi per le lesioni micro-permanenti. Innanzitutto cerchiamo di capire in cosa consistano le cosiddette lesioni micro-permanenti, ovvero quel tipo di lesioni che corrispondono ai più bassi gradi di percentuale di invalidità: quelle comprese tra l’1% e il 9%. Per questo tipo di infortuni la legge si avvale delle tabelle presenti nell’art. 139 Dlgs 209-2005 (Danno biologico per lesioni di lieve entità), il cui ultimo aggiornamento è del D.M. 17/07/2017  .

Queste tabelle tengono conto delle variazioni dell’indice Istat FOI (l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati) per adeguare i valori monetari delle somme risarcibili all’andamento del costo della vita e delle oscillazioni del valore della moneta.

Ma ora vediamo nello specifico, a seconda del tipo di infortunio subito, che tipo di percentuale di invalidità potrebbe essere riconosciuta. Ai seguenti link troverete le tabelle per poter stabilire quale sia la percentuale riconosciuta a seconda del tipo di lesione subita.

I nostri avvocati

Hanno parlato di noi

Contattaci

Lunedì – Venerdì: 9.00 – 13.00 / 14.30 – 19.00

Lunedì – Venerdì:
9.00 – 13.00 / 14.30 – 19.00