Risarcimento danni per viaggi tutto compreso

Tu sei qui:

 Risarcimento danni per viaggi tutto compresoRisarcimento danni per viaggi tutto compreso

Di ritorno  dalle vacanze ci si ritrova con gli amici per il rituale scambio di considerazioni sulle proprie ferie. A chi è andata così bene che non sarebbe mai rientrato in città si scontra chi, malauguratamente, è incappato nella truffa che mai si sarebbe aspettato di vivere in prima persona.

Nonostante le numerose cronache e i decaloghi che ogni anno spiegano come prevenire queste frodi non sono pochi i “turisti” che si imbattano in “pacchetti vacanze” truffaldini.

Molte agenzie propongono infatti pacchetti turistici a un prezzo forfettario. In un viaggio tutto compreso si gode di numerosi benefici quali ad esempio il viaggio, l’alloggio e attività come escursioni, visite guidate e quant’altro.

Risarcimento danni per viaggi tutto compreso. il Codice del Turismo

L’Art. 34 del Codice del turismo (allegato al D.Lgs. n. 79/2011) definisce i pacchetti turistici:

I pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le vacanze, i circuiti tutto compreso, le crociere turistiche, risultanti dalla combinazione, da chiunque ed in qualunque modo realizzata, di almeno due degli elementi di seguito indicati, venduti od offerti in vendita ad un prezzo forfetario:

  • trasporto
  • alloggio
  • servizi turistici non accessori al trasporto o all’alloggio di cui all’articolo 36, che costituiscano, per la soddisfazione delle esigenze ricreative del turista, parte significativa del pacchetto turistico.

Risarcimento danni per viaggi tutto compreso: la sentenza del Tribunale di Siracusa

In un opuscolo informativo si trova l’elenco di quanto è effettivamente compreso. Sarà compito dell’operatore dell’agenzia di viaggi rendere consultabile tale elenco all’acquirente. Le stesse informazioni saranno poi presenti nel contratto stipulato. E’ possibile chiedere il risarcimento qualora l’agenzia viaggio o chi ha organizzato il viaggio non adempie quanto previsto dal contratto.

Tuttavia il risarcimento non è concesso in maniera così automatica come si potrebbe pensare.  Si deve infatti tenere conto di quali sono state le spese e l’investimento della persona per la vacanza stessa. Infatti, sarà molto difficile poter ottenere un risarcimento danni a causa di un basso standard della qualità dei servizi offerti dal tour se per il tour stesso è stato pagato un prezzo esiguo.

Tutt’altro è invece il caso che vede dei forti investimenti pagati per delle vacanze e dei tour di lusso o, comunque, che prevedevano alti standard di qualità. Se infatti questi ultimi non dovessero essere ottemperati si avrà diritto a un risarcimento danni, forti dell’alto investimento fatto nella vacanza stessa.

La giurisprudenza si è espressa a riguardo con una sentenza del Tribunale di Siracusa, la numero 30/2016 del 08 gennaio 2016.

Risarcimento danni per viaggi tutto compreso: inadempimento contrattuale e tempistiche

Inoltre, se durante la vacanza si è vittima di un grave infortunio o di una malattia più o meno grave dovuto all’inadempimento o alla cattiva esecuzione di una pratica o di un’escursione si può chiedere il risarcimento danni per “danno alla persona”.

Per chiedere un risarcimento danni da inadempimento contrattuale si ha tempo 12 mesi dal rientro del viaggiatore nel luogo di partenza. Tempistiche differenti per danno alla persona, danno da vacanza rovinata e danni con i servizi di trasporto.

In ogni caso è necessario mettere in mora l’intermediario o l’organizzatore, inviando una raccomandata a/r entro 10 giorni dal rientro.

 Risarcimento danni per viaggi tutto compreso: il caso fortuito

In ogni caso la responsabilità del tour operator o dell’agenzia di viaggi decade quando l’inadempimento contrattuale:

  1. dipende da un caso fortuito
  2. dipende da un fatto imprevedibile e inevitabile di un terzo
  3. dipende dal turista

 

Quando si ha diritto a un risarcimento danni?

 

Per poter chiedere risarcimento danni devono sussistere questi punti imprescindibili:

  • Si deve aver subito un danno.
  • Vi deve essere un comportamento scorretto o illegittimo di qualcuno.
  • Deve esistere un nesso causale tra il comportamento scorretto e il danno subito.
  • Si deve poter provare che il nesso causale tra comportamento e danno sia effettivo.

 

Il consiglio, per chi abbia subito danni a causa di viaggi tutto compreso, è quello di rivolgersi a un avvocato per poter far valere al meglio i propri diritti.

 

AL Assistenza Legale

Avvocato Cristiano Cominotto

www.alassistenzalegale.it

 

 

 

Risarcimento danni per viaggi tutto compreso

 

image_pdf Scarica articolo in formato PDF