Quale risarcimento danni per tamponamento a catena

Tu sei qui:

Quale tipo di risarcimento danni per tamponamento a catena è possibile?

In autostrada, così come nelle strade cittadine, il tamponamento a catena è sempre dietro l’angolo.

Il tamponamento è la tipologia di sinistro stradale più frequente, coinvolgendo due auto contemporaneamente. Il tamponamento a catena avviene qualora più di due auto vengano coinvolte nell’incidente e, si presume, abbiano la stessa direzione di marcia.

E’ fondamentale ricordare che, secondo le norme previste dal Codice della strada, quando si è alla guida si deve mantenere e rispettare una certa distanza di sicurezza dal veicolo che precede.

Quale risarcimento danni per tamponamento a catena: articolo 2054

Per stabilire la responsabilità di questo tipo di sinistro, nell’eventualità in cui i veicoli coinvolti siano in movimento si applica l’articolo 2054 comma 2. Tale articolo tratta del tamponamento tra veicoli e introduce una ulteriore presunzione legale: quella della corresponsabilità tra i conducenti.

Nello scontro tra veicoli in movimento, infatti, si presume il pari concorso di colpa dei conducenti dei veicoli coinvolti.

In sostanza, la legge prevede che se il tamponamento a catena coinvolge veicoli in movimento, tutti i conducenti, tamponati e tamponanti, sono responsabili in pari misura dei danni. Questo perché si presume che tutti i conducenti delle vetture coinvolte non abbiano rispettato le distanze di sicurezza dal veicolo che li precedeva.

Quale risarcimento danni per tamponamento a catena: vetture ferme

Se, invece, le autovetture tamponate sono ferme nel momento del sinistro stradale, la responsabilità ricade al conducente dell’ultimo veicolo.

Pertanto, il responsabile unico dei tamponamenti causati in quel frangente sarà indicato esclusivamente nel conducente dell’ultima vettura. Questi infatti sarà responsabile per non aver rispettato la distanza di sicurezza.

Inoltre, è compito del conducente del veicolo inoltre essere in grado di arrestare tempestivamente il mezzo, secondo la norma prevista dall’articolo 149, comma 1, ed evitare in questo modo l’urto con l’altra vettura.

Per poter chiedere risarcimento danni devono sussistere questi punti imprescindibili:

  • Si deve aver subito un danno.
  • Vi deve essere un comportamento scorretto o illegittimo di qualcuno.
  • Deve esistere un nesso causale tra il comportamento scorretto e il danno subito.
  • Si deve poter provare che il nesso causale tra comportamento e danno sia effettivo.

Il consiglio, per chi abbia subito danni a causa di tamponamento a catena, è quello di rivolgersi a un avvocato per poter far valere al meglio i propri diritti.

image_pdfScarica articolo in formato PDF