Prescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica Amministrazione

Tu sei qui:

Prescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica AmministrazionePrescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica Amministrazione

 

Quali sono i termini entro i quali è possibile chiedere un risarcimento danni alla Pubblica Amministrazione?

Sono numerosi  i casi legali che vedono protagonisti la Pubblica Amministrazione e il cittadino. Soprattutto in merito a richieste e necessità di quest’ultimo rispetto a permessi e concessioni.

Si pensi ad esempio alle concessioni di licenze edilizie viziate o per la mancata osservanza dei regolamenti nell’aggiudicazione di un concorso pubblico.

Ma si prenda in considerazione anche qualsiasi effetto che sia stato causato da responsabilità della Pubblica Amministrazione per un provvedimento non adottato o adottato in modo illecito.

Prescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica AmministrazionePrescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica Amministrazione: modalità

Gli esempi per dimostrare quante siano le possibilità per intentare una causa contro la Pubblica Amministrazione risultano quindi innumerevoli.

E’ opportuno però che il cittadino conosca anche le modalità da seguire per richiedere un risarcimento danni e le eventuali tempistiche da rispettare al fine di  non vedersi negato l’indennizzo.

Infatti, se un cittadino ritiene di aver subito dei danni a causa della Pubblica Amministrazione è bene sappia che i tempi di prescrizione per la richiesta del risarcimento danni sono differenti rispetto alla stessa richiesta fatta contro un altro privato.

Prescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica AmministrazionePrescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica Amministrazione: le tempistiche

Secondo il parere della giurisprudenza la prescrizione del risarcimento dei danni contro la Pubblica Amministrazione è sempre di 120 giorni.

Questo termine è fissato sia per i casi con responsabilità dolosa che colposa.

  • Per responsabilità dolosa si intende la malafede.
  • Per responsabilità colposa si intende la responsabilità per imprudenza, negligenza o imperizia dimostrata dalla Pubblica Amministrazione nella gestione dell’evento incriminato.

Prescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica AmministrazionePrescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica Amministrazione: la Cassazione

Questo termine così breve per intentare causa contro l’Amministrazione Pubblica è stato stabilito per evitare che si possano internare cause a distanza anche di parecchi anni. Ciò permetterebbe alla Pubblica Amministrazione di mantenere una certa stabilità, evitare rischi di annullamenti e per soddisfare esigenze di bilancio piuttosto ferree.

Aldilà di tale rigore, il termine di 120 giorni si può tuttavia procrastinare inviando una raccomandata di diffida, la quale deve arrivare a destinazione prima dei 120 giorni.

Dal momento della ricezione della missiva, la prescrizione ricomincerà a decorrere per altri 120 giorni.

Ciò è stato stabilito da una sentenza della Cassazione, la numero  94/17 del 4 maggio 2017.

 

 

Quando si ha diritto a un risarcimento danni?

 

Per poter chiedere risarcimento danni devono sussistere questi punti imprescindibili:

  • Si deve aver subito un danno.
  • Vi deve essere un comportamento scorretto o illegittimo di qualcuno.
  • Deve esistere un nesso causale tra il comportamento scorretto e il danno subito.
  • Si deve poter provare che il nesso causale tra comportamento e danno sia effettivo.

 

Il consiglio, per chi abbia subito danni la cui responsabilità ricade sulla Pubblica Amministrazione, è quello di rivolgersi a un avvocato per poter far valere al meglio i propri diritti.

 

AL Assistenza Legale

Dott. Claudio Bonato

www.alassistenzalegale.it

 

Prescrizione per le richieste di risarcimento alla Pubblica Amministrazione

 

 

 

image_pdfScarica articolo in formato PDF