Legge sull’omicidio stradale e risarcimento danni

Tu sei qui:

Legge sull'omicidio stradale: ecco cosa è cambiato, cosa dicono le norme e come ottenere un risarcimento danni se si fosse vittima di un incidente stradale.La nuova legge sull’omicidio stradale è in vigore ormai da parecchi mesi. Una legge che è stata più volte richiesta e che ha introdotto numerosi aggravanti per chi causa un incidente stradale in modo colposo. Le aggravanti sono specialmente per chi dopo l’incidente dovesse scappare e non fermarsi a prestare soccorso. Ma anche per chi si mettesse alla guida con un alto tasso alcolemico o sotto l’uso di sostanze e causasse un incidente fatale.

 

 

Legge sull’omicidio stradale, ecco cosa è stato introdotto:

La legge ha inserito nel Codice Penale il delitto di omicidio stradale con l’articolo 589-bis.  Questo articolo prevede che venga punito, con reclusioni di diversa misura, il conducente di veicoli a motore la cui condotta imprudente sia causa di incidenti stradali mortali.

Pene:

Rimane confermata la fattispecie di omicidio colposo commesso in violazione delle norme del codice della strada il quale verrà punito con la reclusione da 2 a 7 anni. Varierà invece da 8 a 12 anni l’omicidio stradale colposo commesso da chi si metterà alla guida di un veicolo a motore in grave stato di ebrezza (tasso alcolemico superiore a 1.5) o in seguito all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope. La pena sarà tra i 5 e i 10 anni per i conducenti in stato di ebrezza medio (tra 0.8 e 1.5 di tasso alcolemico) colpevoli però di specifici comportamenti negligenti come superare i limiti di velocità, passare con il rosso o procedere contromano. Ulteriori aggravanti si avranno quando il conducente provochi la morte di più persone o scappi in seguito all’incidente, ma comunque la pena non potrà superare i 18 anni di reclusione.

 

Legge sull’omicidio stradale, il risarcimento danni

In generale tutti i parenti della vittima di un incidente stradale mortale possono chiedere risarcimento danni, ma mentre i cosiddetti congiunti prossimi della vittima sono sicuramente legittimati a chiedere un indennizzo, gli altri parenti dovranno provare uno stretto legame affettivo con la persona deceduta. Ognuno di questi parenti potrà agire anche singolarmente per ottenere la sua parte di risarcimento del danno per l’incidente, oppure i parenti potranno agire tutti insieme.

 

 

Cosa fare in caso di incidente stradale:

 

Se si fosse vittima di un incidente stradale, esistono alcune prassi che sarebbe consigliabile seguire:

  • Cercare di mettere in sicurezza, per quanto la situazione lo permette, il luogo dell’incidente
  • Chiamare prima possibile i soccorsi e le forze dell’ordine
  • Non rilasciare alcun tipo di dichiarazione mentre si è in stato di shock
  • Contattare un avvocato
    affinchè i propri diritti vengano garantiti al meglio

 

 

AL Assistenza Legale

Dott. Claudio Bonato

www.alassistenzalegale.it

 

Legge sull’omicidio stradale

image_pdfScarica articolo in formato PDF