Cartella clinica manomessa: è tecnicamente possibile farlo?

Tu sei qui:

Cartella clinica manomessaCartella clinica manomessa: il Giudice per le indagine preliminari ha deciso di mandare a processo tre medici per la morte di una giovanissima donna a Napoli.

  • Cartella clinica manomessa: una ragazza di soli 25 anni deceduta durante un operazione

La vicenda ha luogo due anni orsono, l’otto marzo del 2013, quando una ragazza di appena venticinque anni, Tommasina De Laurentiis, è morta durante un’operazione di colecistectomia eseguita da un’équipe dell’ospedale di Boscotrecase. L’operazione consisteva nell’asportazione chirurgica della colecisti (o cistifellea), un intervento di routine che può essere effettuato a cielo aperto o per via video-laparoscopica. La donna però morì a causa di una emorragia interna a seguito dell’intervento. I famigliari, dopo aver sporto denuncia contro gli operatori sanitari che avevano in cura la giovane, hanno dovuto attendere per 24 mesi prima di vedere sotto inchiesta i presunti autori della morte della ragazza, anche per aver manomesso la cartella clinica.

  • Le accuse ai medici : omicidio colposo e falso

Il Gup di Torre Annunziata, città natia della donna, ha accolto in questi giorni la richiesta del Pubblico Ministero contro i tre medici coinvolti nella tragica morte di Tommasina: il primario  e gli assistenti, i quali sarebbero accusati a vario titolo di omicidio colposo e falso per la cartella clinica manomessa.

  • La presunzione è : cartella clinica manomessa dai medici

L’accusa di falso deriverebbe dalla presunzione che i tre avrebbero manomesso sia la cartella clinica della giovane, sia il corpo stesso della donna una volta deceduta, al fine di nascondere e confondere il loro operato ed evitare la responsabilità medica. Secondo l’accusa infatti i medici avrebbero eseguito molto probabilmente due operazioni successivamente alla morte, attraverso le quali avrebbero “aggiustato” la scena a loro vantaggio.

Solo l’analisi dei dati ricavati dall’autopsia e un’indagine approfondita dei fatti potrà far luce su quanto emerso e far capire se si tratti o meno di un caso di malasanità. Sarà anche interessante scoprire se le accuse di falso per cartella clinica manomessa risulteranno veritiere o meno. Ma se le responsabilità mediche dovessero essere verificate, si spera che i famigliari ricevano quantomeno un congruo risarcimento danni.

Dott. Claudio Bonato

www.alassistenzalegale.it

AL Assistenza Legale – Responsabilità medica

image_pdf Scarica articolo in formato PDF