Avvocato risarcimento danni del convivente in incidente stradale

Tu sei qui:

Avvocato risarcimento danni del convivente in incidente stradaleAvvocato risarcimento danni del convivente in incidente

La Cassazione si è pronunciata attraverso due sentenze su un tema molto caldo quale i risarcimenti danni per incidenti stradali.

In particolare tali sentenze si riferiscono a una tematica molto discussa e dibattuta circa la risarcibilità del danno anche ai famigliari e ai conviventi.

Avvocato risarcimento danni del convivente in incidenteAvvocato risarcimento danni del convivente in incidente: le leggi

Le due pronunce prese in esame sono la sentenza numero 8037 del 2016 e la numero 9091 del 2016 con le quali la Cassazione ha fatto delle importanti puntualizzazioni sul tema.

Qualora in seguito a un incidente stradale la vittima perda la vita, i suoi famigliari vengono ritenuti vittime secondarie e pertanto godono del diritto di risarcibilità del danno patito.

La giurisprudenza ritiene che beneficiari del risarcimento siano non solo i famigliari eredi ma anche le persone legate da un vincolo affettivo stabile.

Avvocato risarcimento danni del convivente in incidenteAvvocato risarcimento danni del convivente in incidente: la Cassazione

Con la sentenza numero 8037 del 21 aprile 2016, la Cassazione ha stabilito che anche una convivenza more uxorio, quella relazione che comunemente viene indicata come coppia di fatto, può legittimare la risarcibilità del danno patito.

La convivenza more uxorio implica un rapporto stabile e duraturo.

Sarà onere del partner dimostrare l’effettiva stabilità e durata del rapporto esistente con la vittima dell’incidente stradale.

La solidarietà e il reciproco affetto potranno legittimare il risarcimento del danno patrimoniale.

Questo sarà possibile appunto se verrà concretamente testimoniato il vincolo affettivo e la sua rilevanza giuridica.

Avvocato risarcimento danni del convivente in incidenteAvvocato risarcimento danni del convivente in incidente: gli indici presuntivi

La rilevanza giuridica è dimostrabile attraverso una serie di indici presuntivi.

Con questo termine si indicano, rispetto al tema in questione, la qualità delle relazioni e il tempo vissuto insieme.

Saranno quindi vagliati dai giudici elementi della vita quotidiana come indicatori effettivi del grado di relazione esistente tra vittima e convivente, sia esso non solo il partner della vittima ma anche il convivente di uno dei genitori della vittima, per esempio.

La giurisprudenza pertanto si è espressa sulla famiglia di fatto tutelandola anche sotto il profilo dei risarcimenti danni.

Si valuterà in questo caso la rete di legami e rapporti intercorrenti la famiglia di fatto al fine di concedere un congruo indennizzo per i danni patiti.

 

Quando si ha diritto a un risarcimento danni?

Per poter chiedere risarcimento danni devono sussistere questi punti imprescindibili:

  • Si deve aver subito un danno.
  • Vi deve essere un comportamento scorretto o illegittimo di qualcuno.
  • Deve esistere un nesso causale tra il comportamento scorretto e il danno subito.
  • Si deve poter provare che il nesso causale tra comportamento e danno sia effettivo.

Il consiglio, per chi abbia subito danni a causa di incidente stradale, è quello di rivolgersi a un avvocato per poter far valere al meglio i propri diritti.

AL Assistenza Legale

Dott. Claudio Bonato

www.alassistenzalegale.it

 

Avvocato risarcimento danni del convivente in incidente stradale

image_pdf Scarica articolo in formato PDF