riconoscimento figli naturali

Riconoscimento figli naturali (art. 254c.c., decreto legislativo n. 154/13)

Per i figli nati fuori dal matrimonio occorre sempre il riconoscimento, ossia un atto giuridico irrevocabile mediante il quale l’uomo o la donna si attribuiscono la paternità o maternità di un figlio.

Ciò produce effetti sia a livello di responsabilità genitoriale (Cass. n. 4588/09), con tutto ciò che ne deriva in termini di mantenimento, di dovere di istruire, ed educare la prole (ex art. 147 c.c.), sia a livello di diritti successori; con la recente riforma, si instaurano inoltre effetti nei confronti dei parenti (ad esempio, il diritto dei nonni a rivolgersi al giudice, qualora vanga impedito loro di vedere i nipoti).

Il riconoscimento dei figli nati al di fuori del matrimonio può avvenire o al momento della nascita, o successivamente, da parte di uno o di entrambi i genitori mediante un’apposita dichiarazione resa davanti all’ufficiale di Stato civile (anche un notaio), oppure resa in un testamento. Una volta compiuto l’atto, questo produce effetti ex tunc, ossia retroattivi, dal momento della nascita del figlio, con ciò che ne consegue anche sul piano economico, come ad esempio eventuali rimborsi per spese effettuate in favore del figlio.

Successivamente al riconoscimento da parte di un genitore, qualora anche l’altro decida di riconoscerlo, questo avrà bisogno del consenso del primo, ossia della sua autorizzazione.

In mancanza, occorrerà presentare un’istanza al giudice, alla quale però il genitore che per primo ha riconosciuto il figlio si potrà opporre in maniera motivata. Il giudice nella sua decisione terrà in preminente considerazione l’interesse del figlio, pur dovendo necessariamente considerare che il riconoscimento è un diritto garantito dalla Costituzione ex art. 30, e che pertanto potrà essere sacrificato unicamente in presenza di motivi gravi tali da ledere l’interesse del figlio e pregiudicarne la crescita ed il suo sano equilibrio psico-fisico (Cass. n. 24931/08).

Avv.ssa Cecilia Riganelli

AL Assistenza Legale Roma

Riconoscimento figli naturali