Il lavoratore a casa in via precauzionale deve essere pagato?

Se un dipendente ha avuto contatti con contesti a rischio come bisogna comportarsi? Quando si arriva a chiudere l’azienda?

Se il dipendente chiede lo smartworking come precauzione l’azienda è tenuta a concederlo?

Dalle mascherine al disinfettante: cosa va messo a disposizione di chi lavora?

Ci si può rifiutare di fare una trasferta in zone dove ci sono stati casi di contagio o di svolgere una mansione che si teme a rischio contagio?

Ecco alcune indicazioni precise fornite dall’avvocato Cristiano Cominotto di A.L. Assistenza Legale pubblicate su Il Corriere della Sera – L’Economia per orientare i datori di lavoro durante questo periodo di emergenza legato al coronavirus.