Avvocato, come chiedere il risarcimento danni al coniuge che tradisce

Tu sei qui:

Come chiedere il risarcimento danni al coniuge che tradisce avvocato risarcimento danniCome chiedere il risarcimento danni al coniuge che tradisce

Secondo gli ultimi dati Istat nel 2015 si è registrato un consistente aumento del numero di divorzi che hanno raggiunto gli 82.469 casi (+57% rispetto al 2014). Molto più contenuto, e in linea con le tendenze in atto negli anni precedenti, è l’aumento delle separazioni (91.706, +2,7% rispetto al 2014).

Per molte delle coppie in questione la causa scatenante la divisione è stata un tradimento. Ci si potrebbe chiedere allora se, portando davanti al Giudice prove e documentazione, si possa chiedere l’addebito della separazione e un risarcimento danni al partner infedele.

Alcuni Tribunali hanno dichiarato che la richiesta di risarcimento danni vada effettuata all’interno del procedimento di separazione e non successivamente o in un giudizio autonomo.

Qualora uno dei due coniugi venga tradito e accetti tale condizione, nel momento in cui si dovesse arrivare alla separazione, il Giudice riterrà che il tradimento non sia stato una causa scatenante la divisione pertanto non concederà l’addebito. Eppure, in seguito a quanto patito per l’abbandono e l’infedeltà il coniuge tradito potrebbe chiedere un risarcimento danni al partner.

Il marito o la moglie traditi potranno chiedere il risarcimento dei danni oltre all’addebito della separazione.

Per ottenere un congruo risarcimento danni, è opportuno recarsi nelle sedi opportune e affidarsi ad avvocati competenti affinchè vengano rispettate le modalità e le tempistiche corrette per ottenerlo.

Risarcimento danni, ecco come funziona:

Per poter chiedere risarcimento danni devono sussistere questi punti imprescindibili:

  • Si deve aver subito un danno.
  • Vi deve essere un comportamento scorretto o illegittimo di una persona o un ente.
  • Deve esistere un nesso causale tra il comportamento scorretto e il danno subito.
  • Si deve poter provare che il nesso causale tra comportamento e danno sia effettivo.

Il consiglio, per chi volesse chiedere un risarcimento danni al coniuge che tradisce, è quello di rivolgersi a un avvocato per poter far valere al meglio i propri diritti.

AL Assistenza Legale

Dott. Claudio Bonato

www.alassistenzalegale.it

Come chiedere il risarcimento danni al coniuge che tradisce

image_pdfScarica articolo in formato PDF