Una giusta comunicazione è la leva strategica per la promozione dei servizi digitali tra i quali lo smart working. Bisogna migliorare le abitudini dei cittadini attraverso l’informazione, l’istruzione e la sensibilizzazione sulle nuove possibilità offerte dal digitale.

In alcune mie presentazioni presso il mio Centro Culturale Candide avevo parlato, nella serie di incontri su “Mode e modi della comunicazione”, dell’influenza delle nuove tecnologie sulla nostra vita quotidiana. Recentemente ho ripreso il tema, soffermandomi sui riferimenti normativi dello smart working [1]. L’importante è ora comprendere che il lavoro agile, locuzione italiana che si alterna a quella inglese, diventerà una modalità di lavoro necessaria, e quindi normale, non solo per la cittadinanza ma anche per le aziende.

Siamo entrati nella nuova era della civiltà digitale, all’alba del terzo millennio, e stiamo ora imparando in modo accelerato e drammatico, a causa di una situazione del tutto imprevista, almeno dalla stragrande maggioranza della popolazione mondiale. Ecco allora esplodere il commercio online a causa della chiusura dei negozi, ecco il trionfare dei social network a causa del distanziamento e isolamento sociale imposti, ecco la nascita di App che portano alla fine della nostra privacy, per non parlare della robotizzazione già in atto di importanti settori industriali con la conseguente caduta di molti posti di lavoro. La sfida che dobbiamo cogliere è di vivere il cambiamento senza farci sopraffare dai nuovi modelli di vita, di lavoro e di socialità che ci vengono imposti, senza farci indebolire nei nostri diritti costituzionali così faticosamente conquistati dai nostri avi.

Mai come nell’attuale scenario di crisi generalizzata, per i cittadini e le imprese, aggravata dalla contingenza pandemica, può comprendersi quanto sia importante la comunicazione – non mi riferisco a quella giornalistica e all’informazione, che merita un approfondimento a parte – coordinata con il marketing, se è vero, come è vero, che Internet e le nuove tecnologie telematiche possono amplificarne enormemente la portata. Solo così possiamo affrontare questa rivoluzione come già accadde con le passate rivoluzioni scientifiche, dalla comparsa delle macchine a vapore, dell’elettricità, della televisione, dell’automobile, dell’aereo, di Internet.

Non si tratta solo di usare le parole giuste, ma anche di conoscere, da parte sia dell’impresa sia del libero professionista, le abitudini dei propri clienti e l’operato dei propri concorrenti. Così lo smart working deve essere presentato, ed essere percepito, come un importante progetto di cambiamento che si radicherà nel modo di operare dell’impresa: niente sarà più come prima.

Consulenze legali, fiscali e giuslavoristiche, si renderanno necessarie per l’analisi dei processi decisionali, per la redazione degli accordi aziendali e individuali, per la scelta delle piattaforme digitali più efficienti e innovative.

Importanti conquiste dell’Intelligenza Artificiale, per la nascita dei nuovi algoritmi autooapprendenti, sulla scia dell’analisi computazionale dell’apprendimento di Turing, porteranno la nostra civiltà a livelli inediti e a un salto oltre la specie [2]: la blockchain nelle sue applicazioni non monetarie insieme alla telematica [3], gli smart contracts, permetteranno una rivoluzione nel diritto e nella a stessa amministrazione della giustizia, come prevede il progetto OpenLaw a cui dedicherò apposite note.

Milano, 27. 4.2020                         Avv. Giovanni Bonomo – A.L. Diritto dell’informazione e dell’informatica.

 

 

 

——————————————————

[1] http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/dirittoLavoro/2020-04-17/il-lavoro-agile-o-smart-working-ribalta-anno2020covid-19-132225.php
[2] https://www.facebook.com/notes/giovanni-filippo-francesco-bonomo/il-salto-oltre-la-specie/10150358179323486/
[3] https://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/avvocatoAffari/intervistaAvvocato/2020-01-15/diritto24-intervista-giovanni-bonomo-avvocato-esperto-diritto-informazione-e-informatica-managing-partner-dipartimento-diritto-d-autore-assistenza-legale-premium-154248.php